ASSO VELA
 
RSS Feed
 
15/08/2009 ROLEX FASTNET RACE: PREMIAZIONE ALLA ROYAL CITADEL

Premiazione della Rolex Fastnet Race alla Royal Citadel

14 agosto 2009

Quando venerd pomeriggio si svolta la cerimonia di premiazione della Rolex Fastnet Race presso la Royal Citadel di Plymouth, un terzo dei concorrenti era ancora in mare. Dei 299 partenti, nove si sono ritirati e 194 hanno raggiunto Plymouth, lasciando 106 concorrenti ancora in regata.

Ran 2 di Niklas Zennstrom ha conquistato la vittoria overall della Rolex Fastnet Race 2009 in IRC e IRC SZ. Lo Swan 56 La Floresta Del Mar di Amanda Hartley e Jamie Olazabel ha dominato in IRC Z. Sembrava che il destino delle tre classi pi piccole IRC fosse ormai certo con il dominio dei francesi, ma nelle ultime miglia del percorso la situazione per i leader di Classe 3 cambiata. Alle 1200 GMT, il promettente X-332 Bateaux Mouches du Pont de l'Alma di Fabrice Amedeo, che aveva ancora sei miglia da percorrere, stato superato in tempo compensato dall'High Tension 36 Hephzibah di David Lees, sopraggiunto sul traguardo 17 miglia dopo. Il risultato finale della Classe 3 IRC non ancora deciso.

La vittoria in Classe 2 IRC, conquistata con la medesima precisione clinica dimostrata dall'equipaggio professionista di Ran 2, spetta al team di Prime Time, appartenente a Jerome Huillard e ai fratelli Jerome e Marc Alperovitch. Avendo in precedenza regatato con un X-302, un anno e mezzo il trio passato all'attuale A-35 con l'obiettivo specifico di partecipare a regate d'altura, in particolare la Rolex Fastnet Race.

"Si tratta di una regata molto nota," ha dichiarato Marc Alperovitch relativamente alla fama di cui questa classica biennale organizzata dal Royal Ocean Racing Club gode oltre 'la Manche'. "Questa impronta risale all'edizione del 1979 e la gente sa che ci furono delle vittime. Penso che sia una regata con un impatto significativo, soprattutto nell'ambito della comunit dei velisti - tutti sanno bene che un evento difficile e competitivo."

Il team di Prime Time esperto nelle regate inshore, avendo in passato partecipato alla Rolex Commodores' Cup e avendo dominato il circuito francese con la vittoria delle due maggiori regate inshore, la SPI Ouest e l'Obelix Trophy. Tuttavia, come spiegato da Alperovitch, il team non ha esperienza nell'offshore. "Gli equipaggi di altre barche hanno partecipato complessivamente a 50 o 60 Fastnet. Sulla nostra barca ne abbiamo disputato solo uno." L'equipaggio interamente amatoriale ad eccezione del velista di Mini Sebastien Marquet.

Il loro segreto? "Sta tutto nel preparare la barca per la regata," ha commentato Alperovitch. "Ad esempio: alcuni di noi soffrono il mal di mare, c' una medicina che si pu prendere ma provoca sonnolenza. Cos l'abbiamo testata a casa prima della regata per vedere come reagivamo. Lo scorso maggio abbiamo provato il cibo che avremmo mangiato in regata. L'anno scorso a novembre abbiamo studiato come stivare le borse in barca. Era tutto preparato. Dal canto mio sapevo che eravamo veloci poich regatiamo molto inshore. La domanda era: come faremo ad adattarci alle regate offshore, dato che si tratta di un gioco differente? In ogni caso, il segreto prepararsi, prepararsi, prepararsi."

Il loro approccio in termini di equipaggiamento di bordo assomiglia a quello dei team della Volvo Ocean Race: ciascun membro dell'equipaggio ha borse identiche il cui contenuto pre-definito e molto limitato. "I caricabatterie dei telefonini sono proibiti, ecc. L'equipaggio poteva anche portare degli oggetti pi pesanti, ma sarebbero finito nel cestino! Devo ammettere che sono un po' maniaco sulla barca!" ha aggiunto Alperovitch, che per il resto sembra molto educato.

Questo regime preciso ha funzionato: l'ultimo tempo compensato di Prime Time era di oltre un'ora e mezzo inferiore rispetto a quello del J/39 Jackdaw di David Walters; quest'ultimo ha perso in modo eclatante quando ieri il vento calato del tutto e l'equipaggio ha impiegato 15 ore in pi rispetto al previsto per completare la tratta finale verso Plymouth.

Ma mentre Alperovitch era abbonacciato ha temuto di pi i suoi compatrioti a bordo di Parsifal, che procedevano a 5 nodi. Poi il vento ruotato e mentre Prime Time viaggiava a 6-10 nodi verso il traguardo, tagliato alle 00:20:01 GMT di questa mattina, Parsifal rimasto abbonacciato arrancando sull'arrivo 10 ore dopo e slittando in quarta posizione in Classe 2.

Tra gli altri arrivi delle ultime 24 ore figurano due degli On Deck Farr 65. Spirit of Juno ha raggiunto il traguardo nel pomeriggio, condotto dai membri di BLESMA, la British Limbless Ex-Service Men's Association, mentre la sistership Spirit of Minerva arrivata a Plymouth ieri sera, condotta da un equipaggio di 16-18enni della scuola di Bishop Wordsworth di Salisbury. "Circa sei di loro hanno sofferto molto il mal di mare ma si sono aiutati a vicenda," ha commentato lo skipper Michael Collier, aggiungendo che dopo aver doppiato lo scoglio del Fastnet ed essere passati alle andature portanti la situazione migliorata. "Si sono divertiti moltissimo e non vedono l'ora di rifarla," ha aggiunto Collier parlando del suo giovane equipaggio. "Met di loro resteranno con noi per riportare la barca a Portsmouth."

I venti al largo della Cornovaglia sono ancora leggeri, il cielo coperto e c' una lieve pioggia intermittente - omaggio del fronte caldo che si sta dissolvendo. Gli equipaggi ancora in gara dovranno portare parecchia pazienza. Alla fine del pomeriggio gli ultimi due yacht in gara avevano appena doppiato la boa Pantaenius al largo dello scoglio del Fastnet, con ancora 240 miglia davanti a s e un probabile finale di domenica.

La premiazione della Rolex Fastnet Race si svolta questa sera presso la Royal Citadel di Plymouth. A Niklas Zennstrom di Ran 2 sono stati consegnati la Fastnet Challenge Cup e un orologio Rolex Yacht-Master per la vittoria overall nella classe IRC. Sono stati assegnati numerosi altri trofei e poich la classifica di alcune delle altre classi ancora da decidersi, il Racing Manager Ian Loffhagen ha annunciato che sabato ci sar una seconda premiazione alle ore 18.

RAN doppia Fastnet Rock (clicca per ingrandire) - foto Kurt Arrigo Niklas e Catherine Zennstrom vincitore overall della Fastnet, il direttore ROLEX UK ed il Commodoro del RORC (clicca per ingrandire) - foto Borlenghi il tavolo della premiazione (clicca per ingrandire) - foto Carlo Borlenghi


Altre News
16/08/2009 ALL IN A HYERES PER L'EUROPEO MELGES 24
15/08/2009 CONCLUSO L'EUROPEO X-35. IL PODIO TUTTO ITALIANO
15/08/2009 ROLEX FASTNET RACE: PREMIAZIONE ALLA ROYAL CITADEL
15/08/2009 FASTNET: 2 POSTO PER TELECOM ITALIA IN CLASSE 40
15/08/2009 EUROPEI LASER 4.7 YOUTH: UN ORO E UN ARGENTO PER L'ITALIA
 
  Copyright © 2005/2017 ASSO VELA | E-mail: info@assovela.it