ASSO VELA
 
RSS Feed
 
14/05/2020 VECCHIE VELE: LA NAVE GOLETTA ANTONIO DAL̔

VECCHIE VELE: la nave goletta ANTONIO DAL̔

Venne varata con il nome di "Santa Marinella" dal cantiere di Matteo Tappani a Chiavari nel 1891.
Scafo in legno di 667 tonnellate. Era armata di velacci doppi e contra.
Originariamente commissionata da altri armatori, fu quasi subito acquistata dai D'Al, armatori in Trapani, noti ed apprezzati a Camogli che forniva loro comandanti, ufficiali ed equipaggi.
Per i D'Al, ribattezzata "Antonio d'Al", navig per lunghi anni, principalmente tra la Sicilia e la costa est degli Stati Uniti.
Dal 1902 per diciannove mesi venne posta al comando del capitano Giuseppe Chiesa detto capitn Pippu, nato a Camogli nel 1859 e figlio del Capitano Emanuele Chiesa.
La domenica del 14 giugno 1914 viene riportato in viaggio da Trapani per St. John, Massachusetts, raggiunto in Atlantico dal veliero "Santa Maria", anch'esso trapanese, partito da Trapani 14 giorni dopo.
Avendo le due navi, oltre allo stesso porto di partenza anche lo stesso porto di arrivo, come d'uso diedero inizio ad una gara. Nonostante il "Santa Maria" fosse ritenuto pi veloce, le due barche arrivarono contemporaneamente alla meta. La "Antonio D'Al" impieg 62 giorni per compiere l'intero viaggio, la "Santa Maria" solo 47.
Pur sempre navigando, super indenne la prima guerra mondiale.
Verso il 1930 fu venduta all'Armatore Bertorello che la ribattezz "Bertorello", rimanendo sempre nel Mediterraneo.
Acquistata pochi anni dopo dall'Armatore Fratelli Crovari di Camogli, prende il nome di "Pietrino".
I Crovari la utilizzeranno per i traffici del carbone vegetale.
Dal Registro Navale del 1941 si apprende che pur mantenendo il nome la nave armata da Raffaele Romano di Napoli.
Requisita dalla Regia Marina, di base a Napoli dal 26 febbraio 1941 fino al 23 ottobre 1942.
Il 24 dicembre 1941 a Zuara in Libia. Viene colpita da bombe durante un attacco nemico ed affonda il successivo 2 gennaio.
Recuperata e riparata, riprende i viaggi del Mediterraneo sino a quando, la notte tra il 22 ed il 23 ottobre 1942 nel corso di un bombardamento aereo sul porto di Genova affonda per la seconda ed ultima volta.
. Foto 1: La nave goletta "Antonio d'Al" fotografata nel porto di Bristol. Da notare il bompresso sollevato per facilitare le manovre di ancoraggio.
. Foto 2: Una immagine della nave "Pietrino" quando era di propriet degli Armatori Fratelli Crovari
. Foto 3: all'ormeggio nel porto di Palermo nel periodo in cui era stata requisita dalla Regia Marina
(Archivio Agenzia Bozzo - Camogli)

foto 1 (clicca per ingrandire) foto 2 (clicca per ingrandire) foto 3 (clicca per ingrandire)


Altre News
14/05/2020 E SE LA VELA USCISSE BENISSIMO DAL CORONAVIRUS?
14/05/2020 VECCHIE VELE: I PIROVELIERI DELLA SPEDIZIONE DEI MILLE
14/05/2020 VECCHIE VELE: LA NAVE GOLETTA ANTONIO DAL̔
14/05/2020 LIGURIA: IN BARCA ANCHE PI DI 2 PERSONE
14/05/2020 LA BARCHETTA DI MATILDE E LA VOGLIA DI RIVEDERE IL MARE
 
  Copyright © 2005/2020 ASSO VELA | E-mail: info@assovela.it