ASSO VELA
 
RSS Feed
 
15/06/2017 VELA E STUDIO: LE MADREPORE DI BORGIO VEREZZI

VELA E STUDIO: LE MADREPORE MEDITERRANEE DELLA BEACH-ROCK DI BORGIO VEREZZI

Primavera 2107 - Avvio di una indagine scientifica come progetto di alternanza scuola-lavoro fra il Liceo Scientifico "O. Grassi" e la L.N.I. di Savona.
I coralli e le scogliere coralline non si trovano solo ai tropici, meta di subacquei e di turisti che si spingono fino a mari lontani, ma anche nel Mediterraneo, nel mare sotto casa.
Nonostante sia un bacino semichiuso, che rappresenta poco pi dell'1% della superficie di tutti i mari e gli oceani del mondo, il Mar Mediterraneo ospita una biodiversit elevata - pari a circa il 6% della fauna marina mondiale e con il 28% di specie endemiche (cio esclusive del Mediterraneo) - che comprende anche alcune specie di madrepore, cio di coralli duri biocostruttori, proprio come quelli tropicali.
Nel Finalese, da Capo Noli fino a Pietra Ligure, si ritrovano lungo la riva, in pochi metri d'acqua, le caratteristiche formazioni di spiagge fossili, le beach-rock, che sembrano essere un ambiente particolarmente favorevole per l'insediamento, lo sviluppo e la riproduzione di almeno due specie di madrepore mediterranee: la Cladocora caespitosa, o madrepora cuscino, e l'Oculina patagonica, una madrepora forse di origine non mediterranea ma che in realt non mai stata segnalata altrove, se non come forma fossile.

Il progetto di alternanza scuola-lavoro
Proprio per la facilit con cui possono essere osservate e quindi per le semplici condizioni operative di monitoraggio, ossia conteggio e misurazione effettuate facendo snorkeling (vale a dire con maschera, boccaglio e pinne), la Lega Navale Italiana sezione di Savona, in collaborazione con la societ di studi e ricerche marine R.S.T.A. di Genova, ha siglato una convenzione con il Liceo Scientifico di Savona "Orazio Grassi" per attuare un studio pilota di monitoraggio delle madrepore di Borgio Verezzi all'interno di un "progetto di alternanza scuola-lavoro" secondo quanto previsto dall'attuale ordinamento scolastico.
In questo modo, gli studenti della 4a H dell'indirizzo "scienze applicate" del liceo savonese hanno potuto avvicinarsi praticamente e direttamente alle problematiche delle indagini ambientali marine ed hanno acquisito le nozioni base per operare in mare con un minimo di preparazione e di conoscenza delle norme e delle regole di comportamento a bordo di imbarcazioni, completando l'esperienza anche con imbarchi su un cabinato, per l'avviamento alla vela, e sulla motobarca "il Grillo", dalla quale hanno effettuato videoriprese delle praterie di posidonia.
In realt, l'esperienza di alternanza scuola-lavoro gi al secondo anno, perch nella primavera 2016 gli allievi dello scientifico avevano cominciato a sperimentare le tecniche di monitoraggio dei fondali con lo snorkeling e con l'impiego di mini robot sommergibili.
E va senz'altro prevista la prosecuzione dell'esperienza, quantomeno per un terzo anno, per completare la campagna di rilevazione sui due terzi dell'area di madrepore ancora da censire.
Foto su facebook I Zona FIV
(Carlo Donisi - LNI Savona)



Altre News
15/06/2017 FIUMICINO: CONCLUSA LA 4 EDIZIONE DELLA 30+TRENTA
15/06/2017 L'OCEANO DICE DRAGONE
15/06/2017 VELA E STUDIO: LE MADREPORE DI BORGIO VEREZZI
15/06/2017 A LOANO METEOROLOGIA PER I COMITATI DI REGATA
15/06/2017 PARTITA LA GIRAGLIA ROLEX CUP: 209 LE IMBARCAZIONI
 
  Copyright © 2005/2017 ASSO VELA | E-mail: info@assovela.it